Colei che abita la clessidra

Dasha Zhukova in Bjarne Melgaard's chairSappiate che l’attesa è sete di colei che abita la clessidra. Di lei che nella clessidra nacque di profilo. Di lei che la clessidra seppe arredare. Di lei che nella clessidra nuota verticale. Di lei che dalla clessidra mai uscì sino a questa sera. Chiedo il permesso di innamorarmi di lei. Il vetro della clessidra rifrange la voce poiché il vetro della clessidra è materia tecnica maschile. Il vetro viene creato nell’opificio crudele. Il vetro non viene mai amato dall’artefice. Pur aborrendo la retorica ella concede il permesso di innamorarmi di lei. Lo dice ma non lo sento. Quindi, sino alla fine di questo testo, non lo saprò. L’enigma è come abbia saputo rispondere a una domanda che a sua volta non ha udito. Leggi tutto…

Annunci
Pubblicato in Novelle paradossali | Lascia un commento

Il signor U, il signor K e il signor Z

panorama_human_furniture_dzmitry_samal2Il signor U non ha un Padre poiché prima di lui non esisteva il Cosmo, figuriamoci un Padre. Ciò spiega ma non emenda. Di cosa si vorrebbe emendare domanda il Coro? Dell’incapacità di amare un figlio. Dell’incapacità di essere a sua volta un Padre.
Solo una Madre, la signora G, esisteva prima di lui e ancora esiste.
Non disponendo di un modello genitoriale maschile, il signor U non ha idea di come si faccia a fare il Padre. Ciononostante decide di diventare Padre. Poiché non esistono fanciulle o signore da fecondare tranne la signora G (che ricordiamo essere sua Madre), feconda proprio la signora G. Irrorandola di sé.
A margine si può dire l’ami o simuli afflato compatibile. Probabilmente simuli. Leggi tutto…

Pubblicato in Novelle paradossali | Lascia un commento

Il monoteismo light (spiegato ai topi)

Jesus_Christ_ThatsAPrettyFace_by_reds2005Alle luride vestigia del monoteismo ci dirigemmo
determinati a perfezionare l’affiliazione
imputati di ogni idolatria finanziaria
serenamente impeccabili in frescolana
volentieri emendati dal confessore itifallico. Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento

Seduto sulla vedova del poeta

Rome's Non Catholic Cemetery, The Final Resting Place Of Poets Shelley And KeatsHo seduto sulla vedova del poeta.
Lei giovane come pianeta.

Due bambine dicono i nomi dei morti
leggono futuro sulle suole antishock.

Vede il gelato sciogliersi tra i seni.
Vede una guerra tra case editrici.

Accoglie seduta l’eclissi graduale
riempie pipa e vagina d’oscurità. Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento

Propositi circa la reincarnazione ventura

Aesthetische_ParanoiaA nulla di questa vita sarà concesso replicarsi in quella.

Sarò uomo di destra e l’abito di destra conterrà corpo di destra
disporrò di centoquarantuno membri virili taccio della misura
uno solo di questi servirà per pisciare e neanche sempre
potrò sgretolare il muro giustapponendovi la personalità
dirò quello che penso prima, e invece, di pensarlo
gli sciocchi m’idolatreranno gli scaltri deporterò
nascerò da Grande Madre steatopigia probabilmente cretese
mi nutrirò di cartilagini e diamanti farò bolo di entrambi Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento

Inni alla regista e autrice teatrale assai nota a livello locale

teatroOgni poltrona un chiodo o vite-legno
per inchiodare spettatore bene
che venga fatto quando siede/sedia
così sta fermo lui e lei guardando
così ‘l suo culo dentro vede chiodo

che anche ‘l culo vede se vedere qualche c’è. Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento

Gesta memorabili del fottuto eroe

dying warrior

Le gesta memorabili del fottuto eroe non vengono trasmesse in TV. Poco o nessuno il rilievo sui quotidiani locali. Affinché siano memorabili, sosterrà il pedante preliminare, occorre se ne abbia notizia. Affinché se ne abbia notizia, interverrà il pedante definitivo, occorre la si diffonda. Trascurano entrambi che si tratta di gesta memorabili solo in teoria. Qui l’eroe è culturalmente dimesso e scevro da marketing efficace. Egli non va a combattere informando l’ufficio stampa. Egli non crea l’”evento” sui social. Egli viene a trovarsi da un momento all’altro nella cacca. Che sia eroe o meno, di certo fottuto lo è. Del duello (o agguato o battaglia o altro inghippo militare) che lo impegnerà, va rimarcata la sproporzione tra la mole del nostro e quella dell’avversario. Servizio Sanitario Nazionale, Agenzia delle Entrate, Ente locale, Gerarchia ecclesiastica, Servizi di intelligence, Massoneria, Sindacato o Refezione scolatica non importa: comunque le dimensioni dell’avversario destinato a fottere l’eroe non possono non rendere quest’ultimo, al nostro sguardo benevolo, assai simpatico. Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento

Conversazioni con l’unicorno sull’amore

Anatomy-Heart-Images-Vintage-GraphicsFairy

L’unicorno bruca sillogismi
nel giardino delle inferenze valide.
È un fatto.

Assaggiò metafore
assaggiò allegorie
assaggiò paradossi
assaggiò le figure retoriche
consuete ai popoli estinti
responsabili dell’estinzione dei medesimi
assaggiò dita di piede di avvocato
assaggiò regolamenti condominiali Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento

Venere nel supermarket

ImmagineKate Moss scolpita da Marc Queen

Venere nel supermarket non esiste ma cammina ugualmente. Quando cammina gli dei ctonii osservano vibrare le proprie mense, i propri troni e tutti, ma proprio tutti, i propri complementi d’arredo. Ogni suo passo conta il tempo residuo concesso agli abitanti albini delle grotte, degli orridi e delle catacombe più fresche. Quando ella sosta e afferra un flacone di anticalcare per decifrarne l’etichetta, Ade sussurra a Persefone la possibilità che il Regno-senza-luce sia risparmiato dalla veemenza dei suoi tacchi. Furono ricavati dall’epistrofeo dei Titani. Lei li usa così. Leggi tutto…

Pubblicato in Novelle paradossali | Lascia un commento

Danzi mutilata danzatrice

bsG4h.AuSt.156L’irreprensibile immagine appartiene al film “Choros” di Michael Langan

Come non gridarlo agli avventori
antropofagi competenti si tollerano qui
fatti destriero fatti pasto fatti sidro.

Appaia mutilata danzatrice
pronunci il nome del corpo
che membra cadere faccia. Leggi tutto…

Pubblicato in Liriche superflue | Lascia un commento