Danzare sullo sterco solenne dei popoli

lutz_Nelken_copyrightMaartenVand-2Maarten Vanden Abeele fotografò uno spettacolo di Pina Bausch

Vogliate non amarmi popoli della camera blindata
non ho odore di sano non faccio odore di buono
mangio le unghie dei piedi ai teologi.

Solo i cadaveri in tailleur si accomodino
l’olfatto dei morti non discerne non recensisce
essi divorano purché la salsa sia bernese.

So di repellere a repellere venni addestrato
ogni mio passo e gesto e parola lorda l’aria il suolo
la carta da culo della “Storia della letteratura stampata”.

La prima parola di ogni lirica è “io”
la terza parola di ogni lirica è “sterco”
la seconda parola è “scrivo” o “mangio” o “sono”.

Ma ogni predicato accidentale vorrete vergarvi
non la parola dei popoli arresterà la danza e la voglia
di danzare sullo sterco solenne dei popoli.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Liriche superflue. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...