Intermezzo di quiete tra due catastrofi

Man-Sitting-Back-ViewWayne Thiebaud, “Man Sitting-Back View”, 1964, Oil on canvas

Premessa: sudo.
Appronto un frullato alla banana. Assaporo.
Occorrenze antropiche (uomini) lamentano il caldo.
Dicono fa caldo. Dicono fa caldo. Dicono faccia caldo.
Constatano essenziali elaborando verbalmente la propria percezione termica.
Tollero e sudo.

Grido “devi amarmi” rivolto alla marmitta della Volvo.

Dialogo dell’autore coll’anticiclone subtropicale africano:
sterminali tutti
sei aggressivo autore
lo sono anticiclone subtropicale africano, ciononostante sterminali tutti
cosa ti hanno fatto?
lamentano tautologici il caldo
sono creature intrinsecamente tautologiche
avessero sudato silenti saprei perdonare
li sterminerò per te
esegui
eseguo.

Ella non frequenta ristoranti stellati.
Ella frequenta psicoterapeuti.
Ella mi cercherà.
Ella mi troverà.
Ella frequenterà piscine.
Ella mi troverà in piscina
madido di attesa e simulata autarchia
lascerò gli psicoterapeuti presso l’atollo di bikini
salutati e remunerati e nuclearizzati
nuoterò male verso di lei
attraverso la piscina di formaldeide
le dirò quanto accumulai per donarle
le donerò quanto accumulai per donarle
sembrerà pesante nelle mie mani
sembrerà leggero nelle sue mani
secernerò me stesso nelle sue mani
bagnate di acqua, cloro e urina infantile.
Slatentizzeremo psicosi in piscina
ove è opportuno accada
ove non dia nell’occhio.
Ameremo noi stessi slatentizzati.
Baceremo noi stessi slatentizzati.
Licenzieremo psicoterapeuti bastandoci. Unendoci. Risparmiando parecchio.

Ceneremo presso il ristorante stellato
il cielo stellato sopra di noi
(la legge immorale dentro di noi)
senza sensi di colpa
senza sentirci di sinistra
senza sentirci di destra
senza sentirci di centro
un rosè extraparlamentare nella flûte
indosseremo uno smoking
e un abito corto donna estivo leggero smanicato
avvolto intorno a colei che ne sarà contenuta.

Sarò l’insetto fossile
immerso nell’ambra del tuo abbraccio
(non mi vergognerò di questo verso
pur intollerabilmente retorico).

Viaggeremo leggeri
solo il beauty, la biblioteca e il rosè*
assumeremo portatori cannibali
e quando ci ammaleremo e morremo
essi porteranno noi
dentro di loro.

Una catastrofe un minuto fa.
Una catastrofe fra un minuto.
Nel frattempo assaporo la quiete. Il frullato alla banana.
E sudo.

*Tavel Les Esperelles d’Aqueria 2012 (courtesy of Titti and Maffo)
</p>

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Liriche superflue. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...